Spazio Espositivo IL LAZZARETTO 
7 – 12 Ottobre 2014

in occasione del Festival L’Isola dei Bambini
in collaborazione con Il Teatro del Sale

 

 

 

 

 

 

Laboratori proposti

COME FUNZIONA IL TATTO di Alessandra Cordedda
Caratteristiche funzionali del senso del tatto, educazione sensoriale e alfabetizzazione nella prima infanzia. Questi alcuni degli argomenti introdotti da Alessandra in questo workshop rivolto a insegnanti, genitori e curiosi. Un po’ di teoria e qualche esercizio pratico, tra cui una simulazione di lettura da bendati, per meglio comprendere le esigenze e il mondo immaginativo di coloro che non esplorano con gli occhi, ma con piccole mani curiose.

ALBERI di Stefano Alfano
Laboratorio dedicato ed ispirato al libro tattile “Saremo alberi” di Mauro L. Evangelista, pubblicato da Artebambini. Dopo aver guardato e letto insieme il libro si prende sputo dall’idea che l’autore stesso ha avuto regalandoci alla fine del libro una sorpresa: una pagina laboratorio su cui far crescere il nostro albero da far vedere e… toccare!


COSTRUIAMO UN LIBRO TATTILE di Pietro Vecchiarelli
Sarà l’occasione per i partecipanti di avvicinarsi alle differenti tecniche di realizzazione delle immagini da toccare e quindi di realizzare le loro immagini tattili o un loro libro tattile. In questo laboratorio sono i materiali i protagonisti e le mani dei bambini diventano gli occhi per interpretarle. Un nuovo modo di giocare con tatto.

TUTTO LASCIA TRACCIA di Alessandra Cordedda
Laboratorio integrato fra bambini e adulti. Tra ciechi, ipovedenti e vedenti. Alessandra, esperta educatrice per l’infanzia, conduce il gioco, presentando diversi materiali di riciclo. I partecipanti lavorando in gruppo ne potranno testare le differenti caratteristiche, per poi scoprirne le potenzialità grafico-simboliche.

PUNTO 1 PUNTO 2 PUNTO 3
di Stefano Alfano
Laboratorio didattico per scoprire il braille e il suo “magico” metodo di lettura e scrittura. Prima di tutto conosciamo il braille e i diversi strumenti per scriverlo. Poi giochiamo con questo codice di scrittura, con i suoi puntini creando diversi modi di realizzarli grazie ai diversi materiali, infine proviamo a scrivere messaggi segreti da condividere con un amico.

 

LE MIE MANI di Stefano Alfano
Le mani giocano, le mani toccano, le mani scoprono, le mani vedono.
Le mani se pensate con curiosità possono anche trasformarsi, ora in albero, ora in fili d’erba, ora in farfalla ora in… Ciascun bambino, partendo dalla sagoma delle proprie mani proverà a ripensarle e a trasformarle, utilizzando texture e diversi materiali, in altro, creando così un’immagine tattile su un cartoncino. Alla fine i cartoncini, rilegati, diverranno libro dove le mani dei bambini saranno le protagoniste non solo perché personaggi ma anche perché lettrici; le immagini realizzate infatti si potranno guardare con gli occhi ma anche con le mani…se usate col giusto tatto.

IN PUNTA DI DITA, laboratorio di lettura aptica al buio
di Pietro Vecchiarelli
I partecipanti verranno bendati e dotati della copia di uno stesso libro. Seguendo la voce narrante cercheranno di leggere la storia senza l’ausilio della vista ma solo col tatto. Saranno le mani a seguirla nel racconto, a immaginare le figure, a rintracciarne i contorni, a scoprirne i materiali. Al termine dell’esperienza al buio si rileggerà il libro per confrontare l’esperienza tattile e quella visiva.

ALLA SCOPERTA DEI LIBRI TATTILI, PER UNA LETTURA CONDIVISA E GIOCATA
di Pietro Vecchiarelli
I libri tattili, nati per soddisfare le esigenze di bambini con diversa abilità visiva, sono in realtà LIBRI per TUTTI: colorati , accattivanti e con illustrazioni materiche. Se letti e vissuti con trasporto, intelligenza e passione contribuiscono al percorso formativo , arricchiscono il vocabolario e il mondo immaginativo e affettivo del bambino regalando piacevoli momenti di evasione. Scopriamoli insieme!